menu

Barra di ricerca: Lettera Titolo Genere Sistema

Realms of the Haunting


Sw House:Gremlin Interactive
Anno:1996
Genere:adventure
Lingua:
Voto staff:
Voto utenti:
1.7
Maggiori info:link al forum link recensione non presente link wiki link moby
Supporto:
 
Screenshots
Non ci sono immagini per questo gioco.
Descrizione
In questo gioco vestiremo i panni di tale Adam Randall (interpretato da David Tuomi), figlio di un pastore anglicano della Cornovaglia, morto di recente in circostanze misteriose. Adam riceve la visita di di un sedicente prete di nome Elias Camber, che gli consegna un pacco contenente frammenti di alcuni strani amuleti dicendogli di andare ad indagare in una villa dove potrà trovare elementi per chiarire le circostanze della morte del padre. Dopo questa visita, cui all'inizio non dà molta importanza, Adam comincia a fare strani sogni sul padre e su quella casa, quindi decide di andarci. Una volta giunto scoprirà che la casa è infestata, ma è solo l'inizio, perché la storia evolverà verso scenari ben più gravi ed inaspettati...
Si tratta essenzialmente di un ibrido tra FPS e Avventura, può essere comunque definito principalmente un FPS ma con un'anima "avventuriera". Infatti la prospettiva è in prima persona alla Doom, abbiamo armi e munizioni e una barra della salute; tramite la tastiera possiamo muoverci, saltare abbassarci, guardare su e giù, combattere e sparare. Le sequenze Action sono sostanzialmente da sparatutto, ma al contrario dei FPS puri, tali sequenze non sono continue ma sono intervallate da fasi di esplorazione, enigmi e dialoghi. Dal lato Avventura troviamo un puntatore controllato tramite il mouse (che possiamo usaer anche per spostarci in alternativa alla tastiera) che consente di interagire con ed esaminare gli oggetti. Inoltre c'è un inventario contenente oggetti, documenti ecc, all'interno del quale possiamo esaminare e combinare gli oggetti e riflettere su oggetti, personaggi e situazioni. Infine, le cutscene sono in FMV, come in molte avventure di quegli anni. La grafica è in pseudo-3D e si basa sull'Engine True 3D, sviluppato dalla stessa Gremlin Interactive e già utilizzato in Normality.
Uno dei punti di forza è sicuramente l'atmosfera creata dalle ambientazioni oscure, dagli effetti sonori e soprattutto dalla musica di sottofondo, che ci mettono fin da subito in uno stato di all'erta e di apprensione, per cui sentiremo spesso il bisogno di guardarci intorno e di voltarci per assicurarci che non abbiamo nessuno alle spalle!
Commenti
Aggiungi un commento
NB: Per inserire un commento devi essere autorizzato dallo staff. Riporta i tuoi dati.
Gli utenti non registrati possono lasciare commenti anonimi nel guestbook
Grassetto Corsivo Sottolineato Barrato Quotato HyperLink Annulla formattazione


Username:   Password:   

Anteprima commento: